Attenzione: la notizia è stata inserita da oltre 1 anno, le informazioni in essa contenute potrebbero essere datate e non più attuali.

[OT_Security]CHI TROVA UN AMICO TROVA UN TESORO… ALMENO PER L’AMICO!

La notorietà di YouTube si è andata diffondendo a macchia d'olio, interessando anche coloro che appaiono essere meno avvezzi all'uso di dispositivi tecnologici, a causa delle recenti e drammatiche vicende che hanno occupato le cronache nazionali ed estere, non da ultima l'annunciata strage avvenuta nella scuola finlandese. Oggi ci troviamo a dover raccontare di un episodio in cui YouTube viene nuovamente chiamato in causa, fortunatamente per fatti che nulla hanno a che vedere con il tragico episodio di Tuusula, ma solo perché è stato preso a modello per la realizzazione di comportamenti fraudolenti. A cura di Davide Mancini, ispettore della Guardia di Finanza, responsabile dell’Unità Computer Forensic del GAT Nucleo Speciale Frodi Telematiche
Articolo integrale su datamanager.it

Nessun voto finora