Attenzione: la notizia è stata inserita da oltre 1 anno, le informazioni in essa contenute potrebbero essere datate e non più attuali.

“EVADIMI”.COM

Da sempre gli smanettoni della Rete quando si sono trovati di fronte ad un qualsiasi strumento elettronico hanno visto la possibilità di sfidare le proprie capacità per cercarne, da una parte, tutte le debolezze e, dall’altra, di individuarne le potenzialità nascoste. Le motivazioni che spingono taluni a cimentarsi in questo scenario fatto di circuiti e bit possono essere le più diverse: si va da quelle - forse più romantiche e tipiche dei soggetti più giovani - scaturenti dal senso di ribellione e protesta, dal desiderio di “cyber-fama” o dal semplice convincimento della libera diffusione del sapere a quelle meno sentimentali e più materiali quali il conseguimento di un profitto – talvolta anche economico -. I risultati ottenuti, il più delle volte, vengono condivisi nella community di Internet, ove chiunque potrà sfruttarle a seconda delle proprie esigenze ed intenzioni. Anche questa volta la storia, non viene smentita e di nuovo si ripropone: un nutrito gruppo di hacker – composto da dinopio, kroo, hdm/metasploit, drudge, NerveGas, pumpkin, davidc, rezn, dunham - ha individuato un’applicazione che donerà la felicità ai numerosi e appassionati utilizzatori di questi sistemi. A cura di Davide Mancini, ispettore della Guardia di Finanza, responsabile dell’Unità Computer Forensic del GAT Nucleo Speciale Frodi Telematiche
Articolo integrale su datamanager.it

Nessun voto finora