Attenzione: l'articolo è stato scritto da oltre 1 anno, le informazioni in esso contenute potrebbero essere datate e non più attuali.

Il formato MNG

Il formato gif è quello più usato nel web per creare delle semplici animazioni. Esso, però, viene criticato da molti perché si basa su un brevetto, ormai scaduto in molti paesi, che non ne rende libero l'utilizzo.

Partendo da questo problema lo stesso team che ha sviluppato il formato png, ha creato anche il formato, che altro non è che il formato png leggermente modificato per riprodurre animazioni. Il suo utilizzo è molto limitato, perché non sono molti i programmi che lo supportano. Sul sito ufficiale (il link è in fondo alla pagina) è possibile trovare un elenco dei programmi che lo supportano. Tra i nostri browser preferiti, quelli che lo supportano in maniera più o meno estesa, sono: Mozilla (quindi anche Netscape) e i suoi derivati (Galeon, ecc.), (Piccolo aggiornamento: nelle ultime versioni di Mozilla è stato elimintao il omponente che consentiva di visualizzare gli mng perché troppo grande: 150 Kb. Un gruppo di sviluppatori ne distribuisce una versione che dispone di questa funzionalità, mentre altri ditribuiscono il file .xpi) Konqueror e per quanto riguarda i programmi che permettono di crearlo, Image Magick (ad esempio con:
convert ./immagine.gif ./immagine.mng
possiamo convertire una gif in mng).
Il browser più diffuso del pianeta Internet Explorer non supporta il formato Mng, è però possibile scaricare un controllo activeX per poterlo visualizzare, collegandosi a questo sito. (Leggete il file readme presente nella pagina dell'installazione).


Comunque ecco qui sotto un'immagine di una palla che rimbalza in formato mng (se il vostro browser lo supporta dovrebbe visualizzarla):

Per webmaster: per inserire correttamente un'immagine mng leggete il readme presente nella pagina di download del controllo ActiveX. Se non vi interessa il supporto di IE basta un semplice <img> per i browser che lo supportano direttamente.

Attenzione: il formato MNG non può essere ottenuto con le versioni stabili di Gimp della serie 1.2.x ma solo con quelle di sviluppo 1.3.x e, ovviamente, dalla prossima versione stabile 2.0. Il plug-in, utilizzato nella versione di sviluppo, forse sarà reso compatibile in futuro anche con la versione attuale.
In alternativa possiamo creare un file Gif e poi convertirlo con Image Magick.

Argomenti correlati

Risorse in rete

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)