Attenzione: l'articolo è stato scritto da oltre 1 anno, le informazioni in esso contenute potrebbero essere datate e non più attuali.

Dividere un'immagine

Avvertenza: un'immagine intera di Tux potete trovarla nella galleria

Nella costruzione delle pagine web si ricorre spesso ad un piccolo trucco: immagini di grosse dimensioni vengono divise in una serie di pezzettini. Ciò può essere fatto per diverse finalità: far sembrare il caricamento dell'immagine complessiva più veloce, rendere parte dell'immagine animata, o altro.
Sotto possiamo vedere due immagini del nostro amato Tux, in una sembra "tutto di un pezzo" (Figura 1) ma in quella di destra il trucco viene svelato (Figura 2).


Figura 1

Figura 2

Chiediamo aiuto a GIMP

Indipendentemente dai motivi per i quali una tale divisione viene fatta, quando ricorre questa necessità Gimp non ci lascia soli.
Ecco brevemente il processo che ci permette di suddividere un'immagine in tanti quadratini. Per prima cosa apriamo un'immagine e trasciniamo delle linee guida sull'immagine nei punti in cui vogliamo che venga tagliata (Figura 3).


Figura 3

Figura 4

Dopo aver impostato tutte le linee (Figura 4) lanciamo l'utility "perl-o-tine" che si trova in Filtri --> Web.
(N.B. Nel caso il filtro non fosse presente devi installare il pacchetto Gimp-perl che trovi sui cd della distribuzione linux che usi, se però non vuoi installare il pacchetto puoi trovare un'utilità simile in Immagine-->Trasforma -->Ghigliottina che può solo spezzettare l'immagine o nello script Web-o-tine, in tutto e per tutto equivalente a Perl-o-tine e scaricabile QUI).
A grandi linee dall'operazione otterremo una serie di pezzi dell'immagine originale e un file html che permetterà di ricostruirla in una tabella come ho fatto io sopra. Facciamo ora un passo indietro e vediamo i parametri che possiamo impostare utilizzando la finestra di dialogo che apparirà dopo aver scelto il filtro:
1 -- Serve ad impostare il percorso dove salvare il risultato (es./home/ user/ public_html)
2 -- Da qui possiamo definire il nome del file html (tux.html)





3 -- Qui va il nome che sarà la base per chiamare i vari pezzettini (es. se il nome è tux, i vari pezzi assumeranno i nomi tux-0.0.png, tux-0.1.png, etc. -- i numeri indicano riga e colonna)
4 -- Per assegnare il formato immagine che costituiranno i pezzetti dell'immagine (png, jpg, o gif)
5 -- Permette di definire una directory separata per le immagini (si o no)
6 -- Da qui si può indicare il percorso della cartella che conterrà le immagini (se diversa da quella principale) in relazione alla cartella principale.(immagini)
7 -- Tag html maiuscoli o meno.
8 -- Lo spazio tra le celle della tabella che ricreerà l'immagine. Se impostato su zero l'immagine sembrerà composta da un pezzo unico.




Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)

Commenti

Link erratto per scaricare Perl-o-tine

Questa spiegazione è ottima, complimenti!!!
Grazie.... senza il vostro contributo non sarei arrivato fin qui'.
Purtroppo il link per scaricare Perl-o-tine è erratto. Anche andando sul sito ufficiale http://registry.gimp.org/list_content
lo script Perl-o-tine non è scaricabile.
Come mai?
Potreste per cortesia indicare come installare Perl-o-tine per la versione gimp-2.4.5-i686-setup per XP.

Grazie!
Alfredo