Attenzione: l'articolo è stato scritto da oltre 1 anno, le informazioni in esso contenute potrebbero essere datate e non più attuali.

Gimp - Da Colore a "Bianco e Nero" (Parte 2)

Il testo e le immagini sono Copyright (C) 2002 Eric R. Jeschke (eric@redskiesatnight.com) e non possono essere utilizzati senza il consenso dell'autore. Il tutorial originale può essere trovato qui.
Traduzione di Mike Vargas.

Sommario


Attraverso la Decomposizione RGB

Un terzo metodo consiste nel considerare i canali rosso / verde / blu dell'immagine. Ognuno può essere rappresentato da una indipendente immagine grigia. Clicca col tasto destro e seleziona Immagine / Modalità / Decomposizione. Seleziona l'opzione RGB e clicca OK.

Di seguito puoi vedere i tre canali: rosso (in alto), verde (al centro) e blu (in basso). Puoi notare che il canale rosso contiene più informazioni sulla luminosità così come molto disturbo, il canale verde ha il minimo disturbo, e il canale blu contiene ombre e disturbo. Di solito il canale blu contiene la maggior parte del disturbo, ma non in questo caso.

Molto spesso il canale verde contiene un'eccellente versione Bianca e Nera dell'immagine. Quantomeno dando uno sguardo alla decomposizione in RGB è importante per darti un'idea di dove si trovano le informazioni importanti dell' immagine, e dove si trova il disturbo.

Attraverso la Decomposizione HSV

Un'altra possibilità è la decomposizione nelle componenti Tonalità / Saturazione / Valore (Hue / Saturation / Value) e considerare l'immagine Valore (Value) (Le altre due non sono solitamente utili per questo scopo). Clicca col tasto destro sull'immagine originale e seleziona Immagine / Modalità / Decomposizione. Seleziona l'opzione HSV e clicca OK.

Attraverso la Decomposizione LAB

Ancora un'altra opzione di decomposizione: la modalità LAB. Clicca col tasto destro sull'immagine originale e seleziona Immagine / Modalità / Decomposizione. Seleziona l'opzione LAB e clicca OK.

La componente Luminosità (L) è davvero interessante perché contiene tutte le informazioni sulla luminanza (mentre nelle modalità RGB e HSV, le informazioni sono distribuite in più canali). Molto spesso puoi vedere un intervallo tonale molto esteso e scoprire dettagli nascosti nelle ombre, esaminando questo canale.

Non molto utile da solo, ma può essere combinato con altri livelli per risultati interessanti (vedi Suggerimenti alla fine del tutorial).

Nota: l'opzione di decomposizione LAB non è distribuito con la versione di GIMP che ho (ver 1.2.3). Non so se verrà inserito nelle prossime versioni di Gimp. L'ho scaricato dal the GIMP Plug-in Registry e compilato, io stesso.

Attraverso la Decomposizione CMYK

Per divertimento, ho provato la decomposizione nei canali CMYK. Il canale Nero (B) è interessante: ricorda un negativo.

Attraverso il Mixer dei Canali

L'ultima tecnica consiste nell'uso del Mixer dei Canali. Clicca col tasto destro sull'immagine e scegli: Filtri / Colori / Channel Mixer.

Otterrai una finestra di dialogo come quella in basso. Clicca sulla caselle di controllo "Monochrome". Assicurati che anche la casella di controllo "preview" (anteprima) sia spuntata.

Adesso gioca un po' con i livelli dei tre canali, guardando i risultati nella finestra di anteprima. Se non vuoi cambiare la luminosità complessiva dell'immagine allora la somma dei tre valori dovrebbe essere 100%, ma sentiti libero di sperimentare (spuntando la casella "Preserve Luminosity" verrà comunque mantenuta la luminosità globale dell'immagine -- vedi la sezione Suggerimenti al termine del tutorial). Inserendo questi valori: Rosso=30%, Verde=59%, Blu=11% dovresti ottenere qualcosa di praticamente identico a ciò che avresti ottenuto convertendo in scala di grigio col metodo standard.

Quando ottieni qualcosa che sembra decente nell'anteprima, clicca OK. Se non ti piace l'aspetto del risultato, Annulla (Ctrl+Z) e riapplica il filtro con impostazioni diverse (Shift+Alt+F).

Il vantaggio del mixer dei canali è (ovviamente) la flessibilità. Mi piace decomporre e esaminare individualmente i canali RGB, come abbiamo fatto prima. In questo modo posso vedere cosa c'è di buono e cosa no in ognuno di essi,e allora usare il mixer dei canali per combinarli di conseguenza. In questo esempio , ho notato che il canale verde non offre molto, e ha il peggior contrasto nelle squame dell'iguana; tuttavia ne ho messo il 30 % per contribuire al disturbo. Mi piace il canale blu per il forte contrasto che aggiunge alle squame. Il canale rosso ha un sacco di disturbo, ma l'ho usato per le informazioni che porta su contrasto e luminanza. Puoi vedere dall'ingrandimento che il risultato non è buono come la conversione in scala di grigio in termini di disturbo, ma il disturbo non è necessariamente negativo, e il trade-off è un maggiore contrasto e interesse nelle tonalità complessive dell'immagine.

Nota: il plug-in del mixer dei canali non era distribuito con la versione di GIMP che ho (ver 1.2.3). Non so se verrà inserito nelle nuove versioni. Io l'ho scaricato dal the GIMP Plug-in Registry e l'ho compilato io stesso.

Indietro Avanti
Il tuo voto: Nessuno Media: 4.7 (3 voti)