Attenzione: l'articolo è stato scritto da oltre 1 anno, le informazioni in esso contenute potrebbero essere datate e non più attuali.

Uso dei fogli di calcolo StarOffice / OpenOffice - Calc

Certificazione ECDL con OpenOffice.org

Certificazione ECDL
(European Computer Driving Licence)
Modulo 4 - Uso dei fogli di calcolo
StarOffice/OpenOffice - Calc



Il presente documento contiene un manuale per la preparazione all'esame sul modulo 4 della certificazione Ecdl in ambiente OpenOffice.


Copyright (c) 2002 Vitantonio Tanzi.

è garantito il permesso di copiare, distribuire e/o modificare

questo documento seguendo i termini della Licenza per

Documentazione Libera GNU, Versione 1.1 o ogni versione

successiva pubblicata dalla Free Software Foundation; senza

Sezioni Non Modificabili, con i Testi Copertina:

  • Pagina titolo: "Modulo 4 - Uso dei fogli di calcolo StarOffice/OpenOffice - Calc"

  • Seconda pagina (la presente pagina) con le indicazioni di Copyright (c)

e con nessun Testo di Retro Copertina.

Una copia della licenza è acclusa nella sezione intitolata "Licenza

per Documentazione Libera GNU" al termine del documento.

La versione originale in inglese di tale licenza può essere trovata sul sito www.gnu.org/copyleft/fdl.html







Modulo 4 - Uso dei fogli di calcolo

StarOffice/OpenOffice - Calc

Caratteristiche di base

Calc è il programma di StarOffice/OpenOffice che consente di lavorare su grandi quantità di dati numerici per effettuare operazioni matematiche o per realizzare tabelle e grafici. Può essere eseguito dal menù attivabile da pulsante di avvio o cliccando su un file contenente un foglio di calcolo. I documenti realizzati con Calc utilizzano l'estensione .sxc.

Esso è comunque in grado di aprire documenti realizzati con altri programmi di calcolo come Excel (file con estensione .xls).

Interfaccia del programma

Calc ha l'aspetto mostrato in figura.

Si nota che ci sono alcuni elementi già visti in Writer (barra di stato, barra dei menù, barre degli strumenti, barra delle funzioni, barra d iformattazione) a cui si aggiungono i seguenti.

Barra delle formule

Visualizza il contenuto della cella selezionata. Se una cella contiene una formula, visualizza la formula (da qui il nome), mentre nella cella viene visualizzato il risultato della stessa.

Barra di selezione delle tabelle

Posta nella parte bassa dello schermo, subito sopra la barra di stato, consente di passare da una tabella all'altra del documento. Questo si può fare cliccando con il mouse sulla linguetta con il nome della tabella che interessa. Se la linguetta di tale tabella non è visibile perché le tabelle sono molte, è possibile spostare le linguette cliccando sui pulsanti a sinistra.

Tabelle, righe, colonne, celle

Un documento Calc è formato da tabelle ognuna delle quali è costituita da una griglia che può essere paragonata a quella presente su un foglio a quadretti. Ogni tabella ha una linguetta nella barra di selezione tabelle che consente di selezionarlo. Sulla linguetta è anche riportato il nome della tabella. Tale nome può essere modificato cliccando con il tasto destro del mouse sulla linguetta corrispondente e scegliendo la voce Rinomina.

Sulla griglia presente su una tabella individuiamo delle righe, identificate da numeri crescenti a partire da 1, e delle colonne, identificate dalle lettere dell'alfabeto inglese a partire da A.

Il singolo elemento rettangolare all'incrocio tra una riga e una colonna prende il nome di cella e costituisce l'elemento base di Calc. Una cella è individuata da 2 coordinate: l'identificatore della colonna a cui appartiene (lettera) e l'identificatore della riga a cui appartiene (numero). Pertanto la prima cella della tabella ha coordinate A1, la terza cella della seconda riga ha coordinate C2, ecc.

Le coordinate della cella selezionata sono indicate nella parte sinistra della barra delle formule.

Una cella può contenere testo, numeri e formule. Queste ultime consentono di effettuare calcoli basandosi sul contenuto di altre celle.

Nuovo documento, apertura, chiusura, salvataggio

Per poter lavorare su un documento bisogna prima caricarlo in memoria. Poi al termine del lavoro è necessario salvarlo su una memoria di massa se non lo si vuole perdere allo spegnimento del computer. Queste operazioni (ad eccezione del pilota automatico) sono possibili dal menù File o dalla barra delle funzioni. Le principali sono.

  • Nuovo foglio elettronico - crea un nuovo foglio di calcolo vuoto.

  • Apri - apre un foglio di calcolo realizzato in precedenza, cioè lo carica in memoria RAM per poterci lavorare. E' possibile aprire più foglio di calcolo contemporaneamente. In tal caso si passa da uno all'altro attraverso il menù Finestra o attraverso i corrispondenti pulsanti della barra delle applicazioni.

  • Pilota automatico - consente di realizzare un documento secondo un percorso guidato che aiuta l'utente a scegliere le migliori impostazioni di stile per il tipo di documento voluto. Equivale all'autocomposizione (o wizard) di Microsoft Office.

  • Chiudi - chiude un foglio di calcolo, cioè lo cancella dalla memoria RAM. Se il documento non è stato salvato (cioè non è stato registrato su memoria di massa), Calc chiede se si vuol farlo adesso (se si risponde No, il documento verrà perso irrimediabilmente).

  • Salva - registra il foglio di calcolo su una memoria di massa (in modo da renderlo utilizzabile in seguito). Se il documento esisteva già (era stato creato in precedenza), Calc lo salva senza chiedere altro, altrimenti (documento appena creato) si composta come con il comando Salva con nome.

  • Salva con nome - di solito è usato per creare una seconda copia del documento con un nome diverso (quindi senza cancellare l'originale). Quando si sceglie questo comando, viene mostrata una finestra in cui si può scegliere la cartella dentro la quale inserire il documento e il nome del file.

Operazioni su tabelle, righe, colonne, celle

Selezione celle, righe, colonne

Qualunque operazione in Calc richiede che prima sia selezionata la cella o il gruppo di celle su cui l'operazione deve essere eseguita. La selezione può avvenire nei seguenti modi.

Selezione di una cella - basta cliccare su di essa con il mouse o spostarsi con i tasti cursore.

Selezione di un gruppo (rettangolare) di celle - ci sono 2 modi:

  • con il mouse - posizionarsi sulla prima cella e selezionare il gruppo tenendo premuto il tasto sinistro del mouse;

  • con la tastiera - posizionarsi sulla prima cella e selezionare il gruppo con i tasti cursore tenendo premuto il tasto maiuscole.

Selezione di gruppi di celle non vinici - selezionare i vari gruppi tenendo premuto il tasto Ctrl.

Selezione di una riga o colonna - cliccare sull'intestazione di riga o di colonna. L'intestazione è la parte grigia posta all'inizio delle righe e delle colonne contenente l'identificatore di riga (numero) o di colonna (lettera).

Selezione dell'intera tabella - cliccare sull'elemento grigio posto all'incrocio tra le intestazioni di riga e colonna.

Togliere una selezione - è sufficiente cliccare in un punto della tabella esterno alla selezione o muoversi con i tasti cursore.

Ridimensionamento righe e colonne

Ridimensionamento righe - si può fare in vari modi:

  • Con il mouse: posizionarsi con il mouse sul bordo tra l'intestazione della riga che si vuol ridimensionare e la successiva, cliccare e trascinare il bordo (verso il basso se si vuol allargare la riga, verso l'alto se la si vuol restringere).

  • Da menù: selezionare una cella della riga da ridimensionare e scegliere il menù Formato\Riga\Altezza; viene mostrata una finestra di dialogo nella quale si può scrivere l'altezza voluta.

  • Da menù contestuale: premere il tasto destro del mouse sull'intestazione della riga da ridimensionare e scegliere la voce Altezza riga.

Ridimensionamento colonne - anche tale operazione si può fare in vari modi:

  • Con il mouse: posizionarsi con il mouse sul bordo tra l'intestazione della colonna che si vuol ridimensionare e la successiva, cliccare e trascinare il bordo (verso destra se si vuol allargare la colonna, verso sinistra se la si vuol restringere).

  • Da menù: selezionare una cella della colonna da ridimensionare e scegliere il menù Formato\Colonna\Larghezza; viene mostrata una finestra di dialogo nella quale si può scrivere la larghezza voluta.

  • Da menù contestuale: premere il tasto destro del mouse sull'intestazione della colonna da ridimensionare e scegliere la voce Larghezza colonna.

Inserimento-eliminazione tabelle, righe, colonne, celle

Inserimento di una nuova tabella - selezionare il menù Inserisci\Tabella; nella finestra che appare inserire il nome della nuova tabella e scegliere dove la si vuol posizionare.

Eliminazione di una tabella - selezionare il menù Modifica\Elimina tabella.

Inserimento di una riga o colonna - selezionare una cella della riga o della colonna nella cui posizione si vuole inserire, selezionare il menù Inserisci\Righe o Inserisci\Colonne a seconda che si voglia inserire una riga o una colonna. In alternativa, premere il tasto destro del mouse sull'intestazione della riga o colonna in cui si vuol inserire e scegliere Inserisci dal menù contestuale.

Eliminazione di una riga o colonna - selezionare la riga o la colonna da eliminare (cliccando sulla corrispondente intestazione di riga o colonna), selezionare il menù Modifica\Elimina celle. In alternativa, dopo essersi posizionati su una cella della riga o colonna da eliminare, premere il tasto destro del mouse sulla relativa intestazione e scegliere la voce Elimina.

Inserimento di una cella o gruppo di celle - selezionare la cella o il gruppo di celle in cui si vuole inserire, selezionare il menù Inserisci\Celle o premere il tasto destro del mouse e scegliere la voce Inserisci celle. Appare una finestra che chiede se le celle che attualmente occupano le posizioni in cui si vuol inserire devono essere spostate a destra o in basso. Scegliere l'opzione voluta e premere OK.

Eliminazione di una cella o gruppo di celle - selezionare la cella o il gruppo di celle da eliminare, selezionare il menù Modifica\Elimina celle o premere il tasto destro del mouse e scegliere la voce Elimina celle. Appare una finestra che chiede se le celle intorno a quelle da eliminare devono essere spostate a sinistra o in alto. Scegliere l'opzione voluta e premere OK.

Inserimento-cancellazione-modifica del contenuto di una cella

Inserimento - per inserire qualcosa in una cella è sufficiente selezionarla e scrivere; al termine dell'immissione premere il tasto Invio o selezionare un'altra cella. Se una cella contiene già qualcosa, il nuovo testo cancellerà automaticamente il vecchio.

Se il testo scritto supera le dimensioni della cella e la successiva è vuota, esso verrà mostrato per intero. Se invece la cella successiva è piena, il testo verrà mostrato solo fino ai limiti della sua cella e vicino al bordo destro della cella verrà mostrato un triangoletto rosso che indica che il testo non è finito.

Comunque il testo completo verrà mostrato nella barra delle formule ogni volta che si seleziona la cella.

Cancellazione - è sufficiente selezionare la cella o il gruppo di celle di cui si vuol cancellare il contenuto e premere il tasto Canc.

Modifica - Se si vuole modificare il contenuto di una cella senza doverlo riscrivere da capo (per esempio nel caso che una cella contenga una frase lunga di cui si vuol cambiare solo qualche lettera), si deve: selezionare la cella, cliccare sulla barra delle formule, posizionarsi con i tasti cursore nel punto di modifica, cancellare con il tasto Canc o Backspace la parte da sostituire ed inserire il nuovo testo.

Spostamento e copia di celle e aree

Spostamento di una cella o gruppo di celle

  • selezionare la cella o il gruppo da spostare;

  • premere il pulsante Taglia sulla barra delle funzioni o scegliere il menù Modifica\Taglia o attivare il menù contestuale e scegliere la voce Taglia;

  • posizionarsi nel punto in cui spostare, premere il pulsante Incolla o scegliere il menù Modifica\Incolla o attivare il menù contestuale e scegliere la voce Incolla.

Copia di una cella o gruppo di celle

  • selezionare la cella o il gruppo da copiare;

  • premere il pulsante Copia sulla barra degli strumenti o scegliere il menù Modifica\Copia o attivare il menù contestuale e scegliere la voce Copia;

  • posizionarsi nel punto in cui copiare, premere il pulsante Incolla o scegliere il menù Modifica\Incolla o attivare il menù contestuale e scegliere la voce Incolla.

Copia "intelligente" di una cella o gruppo di celle

Se si seleziona una cella o gruppo di celle e si preme e si trascina il quadratino nero che compare nell'angolo in basso a destra della selezione, si ottiene una copia "intelligente" del contenuto delle celle.

Questo significa che Calc cerca di interpretare i contenuto della/e cella/e e di inserire nelle nuove celle valori coerenti con quello della/e cella/e di partenza.

Per esempio se scriviamo il valore 1 in una cella e facciamo il trascinamento intelligente, le celle successive conterranno i valori 2, 3, 4, ecc. Se scriviamo gennaio e trasciniamo, nelle celle successive appariranno i mesi successivi (febbraio, marzo, ecc.).

Spostamento o copia di righe o colonne - come per le celle con la differenza che bisogna selezionare l'intera riga o colonna prima di premere i pulsanti Taglia-Copia-Incolla.

Spostamento o copia di una tabella

  • selezionare il menù Modifica\Copia/Sposta tabella;

  • nella finestra che appare scegliere il punto in cui si vuol spostare o copiare e premere OK;

Spostamento o copia di un gruppo di celle tra 2 tabelle diverse - come per lo spostamento o la copia normale, solo che prima di incollare bisogna posizionarsi sulla nuova tabella.

Spostamento o copia di un gruppo di celle tra 2 documenti Calc diversi

  • aprire il primo documento;

  • aprire il secondo documento;

  • posizionarsi sul primo documento e selezionare il gruppo di celle da spostare o copiare;

  • premere il pulsante Taglia o Copia;

  • posizionarsi sul secondo documento e premere il pulsante Incolla.

Formattazione celle

Consiste nel cambiare l'aspetto di visualizzazione del contenuto della cella. Le operazioni di formattazione più comuni si possono fare dai pulsanti posti sulla barra di formattazione. Tutte le operazioni possibili si possono realizzare dal menù Formato\Cella attivabile, come al solito, anche da menù contestuale.

Le formattazioni più importanti sono:

  • Formato carattere - consente di scegliere il tipo di carattere, la dimensione, lo stile (grassetto, corsivo, sottolineato), il colore. Il menù Formato\Cella\Effetto carattere consente anche di scegliere gli effetti (apice, pedice, barrato).

  • Allineamento - consente di decidere se il contenuto della cella deve essere allineato a sinistra, al centro o a destra. Il menù Formato\Cella\Allineamento consente di scegliere anche l'allineamento verticale del testo nella cella (in alto, al centro o in basso) e l'orientamento (scrittura in orizzontale o in verticale).

  • Bordi - consente di inserire dei bordi intorno alla cella. Il menù Formato\Celle\Bordo consente di scegliere sia la posizione in cui mettere i bordi che il tipo di linea da usare (spessore, tratteggio, ecc.).

  • Formato numerico - se la cella contiene un numero, è possibile scegliere il formato in cui verrà visualizzato. Dalla barra degli strumenti si possono selezionare i formati: valuta (Lire), percentuale (%), standard; inoltre è possibile scegliere anche il numero di cifre decimali da visualizzare. Dal menù Formato\Celle\Numeri è possibile scegliere anche altri formati.

Formule

Una formula consente di effettuare operazioni matematiche su numeri contenuti in altre celle del foglio di lavoro. Per indicare ad Calc che si sta inserendo una formula bisogna iniziarla con il carattere "=" (uguale).

Esempio

La cella B3 contiene una formula che dice di effettuare la somma del contenuto delle celle B1 e B2


A

B

C

1

Dato 1:



2

Dato 2:



3

Somma:

=B1+B2


Pertanto se in B1 e B2 si inseriscono i valori 12 e 4 l'aspetto finale del foglio sarà:


A

B

C

1

Dato 1:

12


2

Dato 2:

4


3

Somma:

16


Se in B1 e B2 si inseriscono i valori 30 e 25 l'aspetto finale del foglio sarà:


A

B

C

1

Dato 1:

30


2

Dato 2:

25


3

Somma:

55


Ogni volta che si cambia il valore contenuto in B1 o B2, il contenuto di B3 cambierà di conseguenza.

Osservazione - una volta immessa la formula in B3 e premuto Invio, nella cella non verrà mostrata la formula, ma il risultato della stessa. La formula verrà visualizzata nella barra delle formule ogni volta che si seleziona la cella e qui potrà essere modificata (se necessario).

Uso di valori immediati e di riferimenti di cella

Una formula può contenere sia valori immediati che riferimenti di cella. Con il termine riferimento si indicano le coordinate della cella.

Esempio

Nella formula in B2 è presente sia il riferimento alla cella B1 che il valore immediato 2:


A

B

C

1

Dato:



2

Dato x 2:

=B1*2


Se in B1 si inserisce il valore 15 l'aspetto finale del foglio sarà:


A

B

C

1

Dato:

15


2

Dato x 2:

30


Se in B1 si inserisce il valore 24 l'aspetto finale del foglio sarà:


A

B

C

1

Dato:

24


2

Dato x 2:

48


Copia di una formula - Riferimenti relativi e assoluti

Quando si copia una cella che contiene una formula, i riferimenti di cella presenti in questa vengono modificati in base alla posizione finale assunta dalla cella.

Esempio

La cella C2 contiene una formula che dice di effettuare la somma del contenuto delle celle A2 e B2


A

B

C

1

Dato 1

Dato 2

Somma

2



=A2+B2

3




Se si copia la cella C2 in C3 il risultato finale sarà:


A

B

C

1

Dato 1

Dato 2

Somma

2



=A2+B2

3



=A3+B3

Cioè i riferimenti alle celle A2 e B2 sono stati automaticamente modificati in A3 e B3 per tener conto del fatto che la nuova formula si trova nella riga 3 e non più nella 2.

Se si vuol evitare che i riferimenti di cella vengano cambiati nella copia di una formula è necessario mettere davanti alle coordinate di cella il simbolo $ (dollaro) cioè trasformare i riferimenti nel modo seguente: $A$2 e $B$2.

Questo tipo di riferimento si chiama Assoluto, mentre quello senza il $ si chiama Relativo.

Il riferimento assoluto è utile quando tutte le formule devono utilizzare un valore comune.

Esempio

La cella C3 contiene una formula che calcola l'IVA sul prezzo del prodotto presente in B3 sulla base dell'aliquota presente in B1.

Aspetto con formule


Aspetto finale


A

B

C



A

B

C

1

Aliquota IVA:

20%



1

Aliquota IVA:

20%


2

Prodotto

Prezzo

IVA


2

Prodotto

Prezzo

IVA

3



=B3*B1


3

Camicie

20.000

4.000

4





4




Se copio la formula in C4 per poterla applicare ad un altro prodotto otterrò:

Aspetto con formule


Aspetto finale


A

B

C



A

B

C

1

Aliquota IVA:

20%



1

Aliquota IVA:

20%


2

Prodotto

Prezzo

IVA


2

Prodotto

Prezzo

IVA

3



=B3*B1


3

Camicie

20.000

4.000

4



=B4*B2


4

Pantaloni

80.000

#Errore

Il riferimento a B1 (aliquota IVA) è stato cambiato in B2; questa seconda formula darà un errore in quanto B2 non contiene un numero ma una parola (Prezzo).

Se modifico la formula in C3 nel modo seguente:

Aspetto con formule


Aspetto finale



A

B

C



A

B

C

1

Aliquota IVA:

20%



1

Aliquota IVA:

20%


2

Prodotto

Prezzo

IVA


2

Prodotto

Prezzo

IVA

3



=B3*$B$1


3

Camicie

20.000

4.000

4





4




E la copio in C4, otterrò:

Aspetto con formule


Aspetto finale



A

B

C



A

B

C

1

Aliquota IVA:

20%



1

Aliquota IVA:

20%


2

Prodotto

Prezzo

IVA


2

Prodotto

Prezzo

IVA

3



=B3*$B$1


3

Camicie

20.000

4.000

4



=B4*$B$1


4

Pantaloni

80.000

16.000

Cioè solo il riferimento relativo B3 (che si riferisce al prezzo prodotto) è cambiato, mentre il riferimento assoluto $B$1 (che si riferisce all'aliquota uguale per tutti i prodotti) non è cambiato (come è giusto che sia).

Funzioni standard

Calc mette a disposizione dell'utente un insieme di funzioni già pronte. Tra queste le più usate sono:

=SOMMA() - effettua la somma di un gruppo di celle. Questa funzione può essere attivata automaticamente premendo il pulsante nella barra delle formule.

Es.: la funzione presente in C2 somma tutte le celle dellarea compresa tra A2 e B4, per cui il suo contenuto finale sarà 38.810.000.


A

B

C

1

Redditi 1999

Redditi 2000

Totale

2

12.850.000

13.000.000

=SOMMA(A2:B3)

3

8.700.000

4.260.000


4





=MEDIA() - calcola la media di un insieme di valori.

Es.: la funzione presente in B4 calcola la media delle celle dell’area compresa tra B1 e B3, per cui il suo contenuto finale sarà 8 (media di 5, 7, 12).


A

B

C

1


5


2


7


3


12


4

Media

=MEDIA(B1:B3)



=MAX() , =MIN() - calcolano rispettivamente il valore massimo e minimo di un gruppo di celle.

Es.: le funzioni presenti in C1 e C3 calcolano rispettivamente i valori minimi e massimi delle celle dell'area compresa tra A1 e A3, per cui il loro contenuto finale sarà rispettivamente di 12 e 5.


A

B

C

1

5

Massimo:

=MAX(A1:A3)

2

7



3

12

Minimo:

=MIN(A1:A3)

4




Sintassi delle funzioni

Una funzione ha sempre una struttura del genere "=NOME_FUNZIONE(PARAMETRI)". Essa deve essere preceduta da un "=" come le formule, deve avere un nome senza spazi ed è seguita da una coppia di parentesi tonde contenenti i parametri cioè i valori o le coordinate delle celle su cui la funzione deve operare.

Una funzione può operare su un'area rettangolare di celle, in tal caso tale area viene rappresentata indicando le coordinate della prima cella in alto a sinistra dell'area seguite dal carattere ":" e dalle coordinate dell'ultima cella in basso a destra dell'area (vedi esempi sopra).

Pilota automatico di funzione

Visto il gran numero di funzioni standard presenti in Calc (molte decine), è stata realizzata una funzionalità di autocomposizione che consente di guidare l'utente nella composizione della funzione anche se non se ne conosce la struttura.

Per attivare tale funzionalità bisogna premere il pulsante nella barra delle formule. Apparirà una finestra con l'elenco delle funzioni disponibili suddivise per categoria o ordinate alfabeticamente. E' sufficiente scegliere la funzione voluta e seguire le indicazioni fornite dal programma per ottenere la funzione finale già pronta.

Diagrammi

Calc consente di realizzare in modo semplice diagrammi basati sui dati contenuti in una tabella. Vediamo i passaggi da seguire nel caso di una tabella come quella qui sotto.


A

B

1

Anni

Fatturato

2

1994

350

3

1995

376

4

1996

381

5

1997

378

6

1998

385

7

1999

394



  1. Selezionare le celle A1-B7.

  2. Premere il pulsante sulla barra degli strumenti

  3. Il cursore del mouse si trasforma in una crocetta; posizionarsi in un punto del foglio, cliccare e trascinare fino a dare al grafico la dimensione voluta.

  4. Appare una finestra di autocomposizione; selezionare le voci Prima riga come dicitura e Prima colonna come dicitura e premere Avanti>>.

  5. Scegliere il tipo di grafico (i più usati sono gli istogrammi e i diagrammi a torta), quindi premere il pulsante Avanti>>.

  6. Scegliere il/i titoli da dare ai vari elementi del grafico e premere il pulsante Crea.

Per ridimensionare/spostare il grafico creato è sufficiente selezionarlo cliccando su di esso con il mouse; sul suo contorno compaiono dei quadratini verdi (come se fosse un'immagine). A questo punto si può spostare cliccando al suo interno e trascinandolo, ridimensionare trascinando i quadratini verdi, cancellare premendo il tasto Canc.

Per modificare le caratteristiche del grafico creato è necessario effettuare un doppio click su di esso con il mouse. In questo modo si entra nella modalità modifica. Le modifiche di formato possono essere fatte sia dalla barra degli strumenti (che è cambiata rispetto a quella standard) che dal menù Formato.

E' possibile cambiare anche le caratteristiche dei singoli elementi del grafico (colore barre, colore e riempimento sfondo, caratteristiche assi). Per farlo basta effettuare un doppio click sull'elemento da modificare, apparirà una finestra che consentirà di effettuare la modifica.

Stampa

Imposta pagina - Anteprima di stampa

Attraverso il menù Formato\Pagina è possibile scegliere tutte le impostazioni della pagina che verranno utilizzate in fase di stampa.

Dimensioni - si può scegliere la dimensione del foglio (quella standard è il formato A4 cioè 21 x 29,7 cm).

Orientamento - consente di scegliere se il foglio verrà stampato in verticale (standard) o in orizzontale. Quest'ultima opzione è utile quando si devono stampare tabelle molto larghe che non possono entrare in un foglio in verticale.

Margini - consente di fissare le distanze dei margini del foglio di lavoro dai bordi del foglio fisico, cioè le distanze dai bordi superiore, inferiore, sinistro e destro.

Intestazioni e piè di pagina - consentono di inserire un'intestazione o un piè di pagina nelle pagine stampate.

Elementi da stampare - si può decidere se stampare la griglia, le intestazioni delle righe e colonne e i vari oggetti presenti sul foglio.

Il menù File\Vista pagina consente di vedere l'aspetto che avrà il foglio di lavoro una volta stampato e quindi di valutare le impostazioni effettuate prima di stampare fisicamente il foglio.

Per chiudere la vista pagina, premere il pulsante Anteprima stampa che compare nella barra di formattazione.

Scelta e impostazione stampante

Premendo il pulsante presente nella barra delle funzioni, si effettua una stampa direttamente sulla stampante predefinita. Se, invece, si vogliono effettuare scelte più dettagliate si deve selezionare il menù File\Stampa che consente di:

  • fissare le opzioni di stampa: numero di copie, pagine da stampare;

  • scegliere la stampante (se sono disponibili più d'una);

  • impostare le caratteristiche della stampante (Proprietà);

  • decidere se stampare su stampante o su un file.

Inoltre premendo il pulsante Extra è possibile impostare elementi come: l'ordine di stampa (dalla prima all'ultima o viceversa, solo pagine pari, solo pagine dispari) o gli elementi da stampare.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.3 (12 voti)