Autodraw - Disegno 2.0

Google ha appena lanciato un nuovo servizio web usabile da qualsiasi device per chi come me è negato per il disegno. Il programma, Autodraw, tenta di riconoscere lo scarabocchio che facciamo sullo schermo e ci propone alcuni disegni simili che ha in archivio. I disegni possono poi essere ruotati, colorati, condivisi, ecc…

La vera pecca del’applicazione, a mio avviso, è che il nostro “scarabocchio” viene semplicemente associato a un’immagine simile (ci risparmia di trovare il disegno all’interno di una libreria), mentre sarebbe stato veramente il massimo se il programma riuscisse a ridisegnare il nostro disegno in maniera più “artistica”. E’ un sogno lo so, ma ci arriveremo 🙂

Negli ultimi giorni ho spostato un sito WordPress su hosting Aruba, tutto bene eccetto per il plugin WpDownloadManager che ha smesso di funzionare, il problema l’ho individuato nelle opzioni nel campo “Download Path”  – The absolute path to the directory where all the files are stored (without trailing slash).

Io mettere il percorso che vedevo nel programma ftp ma continuava a non funzionare, la soluzione è stato questo poco intuitivo percorso:

/web/htdocs/www.example.net/home/wp-content/files

con al posto di www.example.net l’url del sito in questione.

Non ricordo (né ho provato) se in una installazione ex-novo il percorso viene correttamente ricavato dal plugin, nel caso non lo facesse potete provare la soluzione indicata sopra.

 

 

Già diverse università propongono lezioni online dei loro corsi, ma con OpenEdu abbiamo finalmente una rete di università che cordinano i loro sforzi per presentare un’offerta di qualità a chi voglia formarsi anche da casa e nelgi orari più comodi. Per ora i corsi non sono molti e l’attivazione ufficiale partirà da settembre, ma ci si può già iscrivere.

Mit App Inventor Blocks

Creare una app per Android senza scrivere una linea di codice è possibile. Ci sono diverse soluzioni che consentono con semplici drag’n’drop di creare applicazioni pienamente funzionanti. Una soluzione open e semplice da usare è MIT App Inventor, tutta la creazione della app avviene on line, ma il testing può essere effettuato direttamente sul proprio cellulare attraverso un’app apposita.

Il sito mete a disposizione un’area di lavoro divisa in “Designer”, per creare l’interfaccia grafica e “Blocks” per gestire la fase di programmazione. L’aspetto dell’area dell’interfaccia è simile a questa:

 

Mit App Inventor

Mit App Inventor

La parte più divertente è però l’area relativa alla programmazione:

Mit App Inventor Blocks

Mit App Inventor Blocks

I costrutti logici, le assegnazioni, la gestione delle periferiche, ecc… sono rapresentati da aree che possono essere legate solo ad altri blocchi compatibili.

I limiti di questo tipo di applicazioni sono tante, visto il limitato controllo che è possibile ottenere, ma può essere il punto di partenza per realizzare una piccola app personale o per iniziare a studiare programmazione in maniera più organica. Altre realtà cercano di estendere le funzionalità di base come Thunkable che promette di poter usare lo stesso codice anche per creare app per Apple Ios, creano estensioni e tutorial (ad esempio su Pura Vid Apps)  e altro.

Send It Later

Se il programma per l’invio di sms preinstallato nel nostro cellulare non consente di inviare sms ad orari prestabiliti o con una certa ricorrenza dobbiamo far ricorso ad una applicazione esterna. Ne ho provate diverse e ognuna ha le sue pecche (errori nell’invio, pubblicità invasiva e altro), fin quando non ho trovato Send it later, il programma è molto spartano e con una interfaccia non intuitivissima (nonostante la semplicità dell’operazione), ma funziona bene e ciò è quello che ci interessa di più.

Per aggiungere un destinatario, basta iniziare a scrivere il nome nella casella in altro che il nome sarà preso dalla rubrica, sarebbe stato più utile un accesso alla rubrica, ma non lamentiamoci troppo. Dopo aver scelto i destinatari, scegliamo la data e la frequenza di invio… e finalmente saremo i primi a “ricordarci” di un compleanno 🙂

P.S. forse è inutile dirlo ma l’applicazione non si appoggia ad un server esterno per l’invio degli sms, quindi il cellulare deve essere acceso per effettuare correttamente l’invio.

Send It Later

Send It Later

 

Pdfjumbler è una piccola utility per cambiare l’ordine delle pagine di un file pdf, cancellare singole pagine, mixare i pdf da diversi file. Il programma è molto spartano, ma fa bene quello che promette. Una volta scaricato il file basta avviarlo e caricare i pdf dal menu o trascinandoli nella finestra principale. A questo punto avremo un elenco di miniature delle pagine presenti nel PDF, ogni singola pagina può essere cancellata o spostata. Non ci sono comandi che automatizzano le operazioni, come cambiare tutto l’ordine delle pagine oppure mescolare pagine pari e disapori da due file diversi; per operazioni automatizzate vi consiglio altri programmi, come ad esempio PdfSam. Dopo le nostre operazioni di spostamento/cancellazione/aggiunta possiamo salvare il file. Ecco la finestra d’uso del programma:

Pdf Jumbler - Finestra principale

Pdf Jumbler – Finestra principale

 

 

Nel panorama già ricco delle app per la gestione della posta elettronica è apparso Mailbox, una app che promette di portare semplicità e velocità alla gestione della posta elettronica. Il programma è molto spartano e altre opzioni andrebbero aggiunta, ma già promette bene, la caratteristica che più mi ha favorevolmente colpito è la possibilità di “rinviare” l’email ad una delle date preimpostate (configurabili nelle preferenze) dal programma. Dopo il tempo indicato l’email tornerà visibile tra le email in arrivo come non letta e in cima alle altre.

Mailbox App - Rinvia l'email

Mailbox App – Rinvia l’email

 

Aggiornamento: da qualche giorno è uscita anche l’app Inbox di Google con funzioni molto simili

Aggiornamento 2: lo sviluppo dell’applicazione è cessato, molte delle sue funzionalità le ritroviamo però in altre app.

Una operazione molto comune e apparentemente molto semplice con i file PDF è quella di unire più file o di dividerne uno.

L’operazione però non è così semplice come appare con gli strumenti che vengono messi a disposizione dai lettori PDF esistenti; l’aiuto viene, però, da alcuni piccoli programmi che ci consentono di raggiungere in pochi click il risultato sperato, per il nostro scopo useremo PDFsam.
PDF Split And Merge è una piccola applicazione open source scritta in Java che svolge a dovere le due operazione di unione e divisione di file PDF.
Il programma è disponibile sia nella versione con installer per Windows, dopo averlo scaricato basta un doppio click per installarlo, sia in formato .zip per windows e linux, in questo caso non c’è nulla da installare. Il pacchetto scaricato è pronto ad essere avviato. Su piattaforma Windows basta fare doppio click sull’eseguibile presente nella cartella scaricata mentre su piattaforma Linux basta lanciare il codice java nel seguente modo da linea di comando:
java -jar /home/vargas/pdfsam-basic/pdfsam-0.7sr1.jar
Aggiustate il percorso del file in base a dove avete decompresso la cartella scaricata. Una volta avviato il programma è di facile utilizzo, presenta due schede una per l’unione e una per la divisione di file, basta scegliere la scheda desiderata e riempire i vari parametri richiesti:
Sam Unisci File PDF

Sam Unisci File PDF

PDFsam – Opzioni Merge

SAM dividi file PDF

SAM dividi file PDF

PDFsam – Opzioni Split